Home > Tutti gli articoli > Istituzione > Assisi diventi la casa degli ambientalisti umbri

Assisi diventi la casa degli ambientalisti umbri

Nella Sala della Conciliazione si è svolto ieri pomeriggio un interessante e proficuo
incontro tra il ministro dell’ambiente Sergio Costa e le associazioni e i comitati
ambientalisti dell’Umbria. L’iniziativa è stata promossa dal sindaco Stefania Proietti
a cui i rappresentanti del mondo ambientalista regionale si erano rivolti per stabilire
un contatto immediato con il ministro.
“E’ stata una grande opportunità – hanno detto all’unisono i comitati nel ringraziare il
sindaco per la mediazione – perché abbiamo potuto esporre al ministro le nostre
istanze e le nostre richieste. Per questa sensibilità auspichiamo che ad Assisi si
allestisca un tavolo permanente sulle tante problematiche ambientali che affliggono la
nostra regione”.
Poi, uno a uno, quasi tutti i rappresentanti dei comitati e delle associazioni hanno
avuto il tempo per rappresentare le situazioni, e quindi sono state sollevate le
questioni di inquinamento e di mancanza di tutela della salute che vivono le comunità
dei vari territori, dall’Altotevere (con il comitato Salute Ambiente Calzolaro Trestina)
al Perugino con il gruppo spontaneo antipuzza Ponte Felcino-Villa Pitignano-Bosco-
Ramazzano e il comitato I Molini di Fortebreaccio, ad Assisi con il comitato di via
Protomartiri Francescani per l’inquinamento delle Fonderie Tacconi, alla Val Nestore
per i rifiuti speciali della centrale.
A disciplinare gli interventi l’avvocato Valeria Passeri che ha anche consegnato al
ministro Costa, a nome dei comitati, compresi il Wwf, Italia Nostra, un dossier
contenenti le criticità ambientali sollevate dai comitati locali e già consegnato a
marzo scorso alla Commissione parlamentare di inchiesta sugli ecoreati.
Dopo l’incontro, il ministro è sceso nell’Agorà di Universo Assisi, davanti al Tempio
di Minerva, per intrattenersi con il pubblico e parlare delle varie questioni e attività
riguardanti il ministero.
Costa ha esordito raccontando la riunione con i comitati e ha promesso che studierà i
casi per dare risposte alle domande dei cittadini.
Poi ha parlato della campagna “io sono ambiente” voluta dal suo ministero: “Si tratta
di un grande contenitore, l’idea era ed è che ognuno di noi può fare qualcosa per
l’ambiente, l’io non è un pronome egoistico ma un io in rete, tanti io possiamo
diventare noi e quindi arriveremo a essere noi siamo ambiente”.

Il ministro si è soffermato anche sull’importanza dell’educazione e formazione
ambientale, ricordando che “fino agli anni 80 il tema dell’ambiente aveva un sapore
salottiero, non si percepiva come qualcosa che avesse a che fare con la nostra vita di
tutti i giorni, oggi si sta prendendo coscienza che è qualcosa di più”.
Ampio spazio è stato dedicato poi alla campagna plastic free (“un altro tema che ci
riguarda da vicino, rinunciare alla plastica monouso per esempio è un gesto che
possiamo fare tutti noi, ogni giorno, in ogni momento della giornata, e diventare così
protagonista di una sorta di rivoluzione gentile”) , o anche alla battaglia per far sì che
l’acqua continui a essere pubblica (“non si può commercializzare tutto, ci sono dei
beni, e l’acqua è uno di questi perché rappresenta la vita, che non possono essere sul
mercato e su questo noi non molleremo di un punto”.
Tantissimi gli altri argomenti trattati, dagli strumenti per la salvaguardia
dell’ambiente e la prevenzione dai rischi che affliggono la nostra terra,
dall’efficientamento energetico al rapporto tra economia, politica e ambiente, al ruolo
fondamentale che possono avere i giovani nelle battaglie ecologiste, alle indagini
sulle ecomafie, al Cantiere Ambiente, alle politiche europee.

 

              

2019-08-13T10:21:23+00:00 24 Luglio 2019|Aree Tematiche: Ambiente e Rifiuti, Istituzione, Sociale e Welfare|Sezioni: , |
Sei il visitatore n. dal 05.08.2013